Ultra violet: il colore del make-up del futuro comecosaquando
Ultra violet: il colore del make-up del futuro
Gennaio 15, 2018
Sfatiamo il mito che la donna formosa è grassa comecosaquando
Sfatiamo il mito che la donna formosa è grassa
Gennaio 15, 2018

La giacca di jeans è il nuovo must have del 2018

giacca-di-jeans-must-2018

Dalla versione “shrobed” di Gigi Hadid a Vetements e Levi’s Frankenjacket, l’umile giacca di jeans sarà onnipresente in questo 2018.

Si può parlare molto di un decennio di moda con le sue parole di stile più abusate. Gli anni ’50 avevano il “bling bling”, ovvero l’ostentazione degli accessori di moda che si è evoluto in un “favoloso”, leggermente più raffinato, ma sostanzialmente umile indossare bijoux.

Anche se questo decennio è iniziato con il termine “hipster”, ora sosteniamo il termine “autentico” come il massimo riconoscimento.

Nell’età dell’autenticità, la giacca di jeans è il nuovo condimento del potere. Quindi, aspettatevi di vedere una giacca di jeans ovunque nel 2018.

L’autenticità, essendo un equilibrio nel mantenimento della realtà e della calma, assume una forma più denim, mettendo da parte il cashmere. Il denim è radicato nel patrimonio della moda; tanto utilitaristico quanto complesso.

Ma il 2018 non riguarderà i jeans. Mentre entriamo nel finale di questo decennio, la caccia all’autenticità si sta spostando verso il meno ovvio. Quindi, per essere vincente quest’anno appena iniziato, avrai bisogno di una giacca di jeans.



Nell’ultima settimana della moda di New York, si sono viste sfilare con autenticità le classiche giacche di jeans di Calvin Klein, Tibi e Adam Selman. Vetements ha collaborato con Levi’s per una Frankenjacket tritata e rifatta che porta la stessa atmosfera di decostruzione che ha reso i jeans patchwork della stessa azienda, una moda fuori moda nel 2016. Virgil, la versione off-white di Abloh, è tagliata a metà coscia e fissata con una zip bianca fuori misura.

La settimana della moda di New York

Paul Newman in Hud, Robert Redford in The Electric Horseman: c’è un glamour americano robusto e da strada che incide su una giacca di jeans, che si riflette nello stile di Calvin Klein della nuova era che la indossa con una polo aderente. (Selena Gomez, dolcezza americana, la indossa proprio in questo modo).

Rihanna, grazie alle cuciture trompe-l’œil sulla sua giacca in denim swing Balenciaga, che conferiscono un effetto così artistico, diviene un’icona di stile.

E mentre tutti ora sono sul carro dei vincitori con giacche di jeans all’ultimo grido, Kanye West sta cullando da anni una giacca di jeans. Per il Met Gala del 2016, Olivier Rousteing ha creato una giacca in denim Balmain personalizzata per il rapper che ha richiesto molto più tempo rispetto all’abito di sua moglie.



L’abito di Kim Kardashian potrebbe essere stato creato dai frammenti dello specchio delle palle da discoteca, ma “la cosa più difficile era la giacca di Kanye”, ha confermato Rousteing a GQ. “Abbiamo dovuto sbiancare il denim e poi ricamarlo con tutte le pietre e le perle. Un processo diverso da quello cui eravamo abituati solitamente nella couture “.

In un modo cruciale, i jeans hanno spianato la strada al ritorno della giacca di jeans. Mentre il denim stretch lasciava il posto alla rigidità, la sensazione pesante e squadrata di una giacca di jeans – che era stata scoraggiante per una generazione che indossava felpe con cappuccio – ha iniziato a diventare un distintivo dell’onore della moda.

La giacca di jeans è la nuova felpa con cappuccio!

Una parola sulla terminologia. La giacca da trucker è la giacca in denim Levi’s, nata nel 1967. Puoi riconoscerla dalle cuciture diagonali, che formano uno stretto triangolo rovesciato sotto ogni tasca sul petto. (Qualsiasi altra cosa è una giacca di jeans, ma non una da camionista). Questo potrebbe sembrare insignificante, ma quando la moda diventa pignola sulla terminologia, è invariabilmente un segno che questo è ciò di cui le persone parleranno. Alla lista delle parole che ascolterai l’anno prossimo: ricordati del trucker!

Tre altre tendenze per il 2018

Ultra Violet

Pantone ha dichiarato l’ultra violet, il colore del 2018. Il Lillà era in prima linea sulle passerelle primaverili, in particolare su quelle di Gucci e Marni. La differenza è il nome, che evoca una sorta di stranezza e annuisce verso il marchio. Highland Spring e NatWest, invece, hanno utilizzato sfumature di viola per un effetto memorabile. È anche il colore delle ametiste (i cristalli compaiono spesso in Vogue), una tonalità preferita dell’architetto Frank Lloyd Wright, era spesso indossata da Hillary Clinton (che suggerisce anche che è il colore non ufficiale dei centristi) e ci ricorda Prince. Insomma un colore che fa contenti un pò tutti quanti!

Frange

La cowgirl si sente come una scomoda fonte d’ispirazione data la sua storia, ma la moda continua a prescindere, e da Balmain a Nina Ricci a Ellery, questo “traguardo” sarà probabilmente la regola della moda principale nel 2018. Vogue lo descrive come sensuale e morbido, anche se ciò dipende in gran parte dal tessuto (si trattava principalmente di nappe).



Camicie da rugby
Abbigliamento sportivo come abbigliamento da giorno rimarrà una tendenza dominante nel 2018, anche se questa volta si tratta meno di eleganti tute sportive e di altri sport specifici. Il golfwear è un’opzione, anche se le magliette da rugby saranno probabilmente la tendenza chiave, unisex.

E tu, sapevi già di queste tendenze?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *