storia del make up comecosaquando
Storia del make up e strani costumi dell’antichità
Aprile 11, 2018
Pepe Mujica comecosaquando
18 frasi di Pepe Mujica, uno dei presidenti più umili del mondo
Aprile 12, 2018

5 trucchi per combattere la pigrizia per sempre

combattere la pigrizia comecosaquando

Combattere la pigrizia potrebbe sembrare un’impresa ardua, ma non lo è assolutamente. Al risveglio senti disparità tra il corpo e la mente? Aspetta che gli occhi si concentrino alla luce del giorno e che la testa elabori il nuovo giorno, ma se continui a sdraiarti per continuare a desiderare il comfort del letto e provi quell’incapacità di muoverti, pensando che saranno solo pochi altri minuti e poi ti alzerai, stai sbagliando in partenza. Dopo ti ritroveresti con una sveglia più tardi e di fretta, con cose lasciate a metà e in direzione lavoro per affrontare una pila di obblighi, in soli 10 minuti che sembrano non avere mai senso.

Le persone pigre tendono a consumare energie in pochissimo tempo. I momenti che spendi per rimandare cose e creare scuse sono così lunghi che, mentre ti convinci a non fare qualcosa, avresti potuto fare un paio di altre cose insieme. Combattere la pigrizia è un’impresa difficile da sradicare, ma senza dubbio riuscire a farlo è come svegliarsi da un sogno. Vedrai il passato con incredulità e saprai che non vorrai mai più essere così. Non ci credi? Leggi subito 5 trucchi per combattere la pigrizia per sempre.



5 trucchi per combattere la pigrizia per sempre

🌜 Sveglia al mattino presto

La cosa migliore da fare per combattere la pigrizia è che tu cambi le tue abitudini per svegliarti all’alba e che al primo trillo della tua sveglia ti alzi prontamente. Fai una doccia rinfrescante e rilassante, costringiti ad alzarti dal letto e in quelle prime ore, svolgi la cosa più importante della tua giornata. Ricorda la regola del minuto prezioso. Se c’è qualcosa che richiede due minuti o meno, falla immediatamente. Molte persone riescono a fare la maggior parte del loro lavoro nelle prime ore del giorno, per poi procedere a ritmo più sostenuto!

🌜Avanza poco a poco

La pigrizia è difficile da rimuovere, ma se si spende la propria vita procastinando il dolce far nulla, è finita! Se un compito ti risulta difficile, costringiti a passare cinque minuti per portarlo a termine senza interruzioni, fai una breve pausa e torna a finirlo. Se vuoi allenarti, non provare una classe di crossfit estrema per iniziare, esci per qualche minuto e poco a poco otterrai più condizioni da provare. Parti sempre dal basso. Vai secondo i tuoi ritmi, ma assicurati di farlo ogni giorno e di progredire a poco a poco.

🌜 Chiudere le vie di fuga

È ovvio che un pigro non è attaccato ai social network o ad altre distrazioni perché lo vuole, ma è una sorta di dipendenza. Ma devi allontanarti da quelle cose, se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi. Inizia ad installare estensioni che bloccano Facebook e altri social network per tutto il tempo che desideri. Spegni il ​​televisore, lavora lontano dal tuo telefono e abituati a poco a poco per fare di più in meno tempo, se vuoi combattere la pigrizia.

🌜 Via le abitudini frustranti

Non cadere nella frustrazione, è un processo lento. Si afferma, infatti, che ci vogliono 21 giorni per creare un’abitudine, ma studi recenti dimostrano che può essere necessario fino a 70 giorni di vero sforzo prima che qualcosa diventi un’abitudine. Tieni traccia delle cose che fai, osserva i tuoi progressi e vedi cosa puoi eliminare e ciò che hai già sradicato che ti ha reso pigro.

🌜Trasforma la pigrizia in un’alleata

Pensa che la pigrizia è solo un momento per rilassarsi. Se lavori senza sosta su qualcosa, concediti il ​​tempo di scappare per un momento di relax: camminare, riposare un pò, parlare con qualcuno, controllare i tuoi social network o fumare una sigaretta e poi torna al tuo lavoro. Non sei un robot e non hai bisogno di tutta la tua giornata per avere una produttività totale, concediti il ​​tempo di calmarti e inizierai a sentire che quello che ti tormentava ora è un grande alleato per continuare la tua produttività. Non credi anche tu?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *